LocoToco

 

 

Questo è il luogo dove ci rifugiamo appena possibile.
 

La foto (pessima, ma volare e fotografare non Ŕ il mio forte), è stata fatta grazie ad un amico pilota che ci ha regalato un volo sopra Loco.

 

 

 

 

 

 

Scoperto nell’estate del 1998, si tratta di un ex alpeggio a quota 950 m. slm ricavato in un bosco costituito in origine prevalentemente da castani.

 

Il sito è raggiungibile, nell’ultimo tratto, solo a piedi e questo ha permesso ai numerosi caprioli, cervi e volpi di vivere indisturbati;  infatti durante le passeggiate non è raro il loro avvistamento.

 

Questo cerbiatto è stato ripreso a pochi metri dalla porta di casa ;-)

 

 

La valle che ci ospita è ben esposta, la casa è soleggiata dall’alba la tramonto. L’altitudine e il clima secco rendono il sito godibile in ogni stagione. Insomma un posto veramente magico (non lavoro con la Proloco).

 

La baita si presentava in queste condizioni, all'interno vi era ancora ben conservata la stalla per gli animali al piano inferiore e del fieno al piano superiore

 

 

 

 

 

 

ma con pazienza e molti sacrifici siamo riusciti a renderla molto accogliente
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


L’interno della baita è arredato in modo semplice. L’ingresso avviene dal primo piano dove si accede al soggiorno con angolo cottura a vista.

Una scala interna porta al piano terra dove si trovano due camere da letto ed il bagno. Il riscaldamento è esclusivamente  a legna.


 

 

 

 (un click col mouse per ingrandire e scorrere l'immagine)

 

Non è esagerato affermare che la scoperta di Locotoco ci ha cambiato la vita!

 

 

Purtroppo l'assidua frequentazione ci ha portato a trascurare un po' gli amici, che vediamo sempre poco rispetto a quanto vorremmo, ma crediamo che chi Ŕ stato a trovarci potrÓ facilmente capire e perdonarci ;-)

 

 

 

 

 

La foto sopra riproduce il galletto segnavento montato sul tetto (realizzato a mano, in rame, da me).

 

 

 

 

Questa composizione Ŕ  opera di Roberta

 

Home page